Posts tagged "grassi"

grassi-e-dieta-vegana

I Grassi e la dieta vegan

09 Dicembre 2015 Considerazioni dal mondo vegan

Per molti anni la nostra cultura è stata influenzata dall’assunto che tutti i grassi fossero dannosi.

In verità non tutti i grassi sono dannosi; alcuni hanno effetto protettivo, altri sono necessari alla vita stessa.
Il distinguo dunque va fatto in ragione della qualità e dell’origine dei gassi.

I cibi animali e quelli arricchiti con grassi saturi e colesterolo sono una costante nell’alimentazione occidentale, vengono trattati a livello industriale e sono mostruosamente dannosi.

Invece, i grassi di origine vegetale (non quelli derivanti dall’idrogenazione industriale) sono di grande supporto al benessere del nostro organismo.
I cibi vegetali freschi maggiori apportatori di grassi di migliori qualità sono tutti i semi oleosi (dai quali si estraggono gli oli utili  purchè derivanti da procedimenti di premitura a freddo), le noci, le olive, il frutto dell’avocado, la soia (da cui si ricava il tofu), i legumi.
Questi alimenti vengono naturalmente protetti dalla natura, attraverso bucce e gusci, per preservarli dalla fotosensibilità e dall’ossidazione e dagli agenti atmosferici e contengono vitamine, minerali, sostanze fitochimiche, proteine vegetali, acidi grassi essenziali e fibre, apportando nutrienti sinergici tra loro.

Le ricerche cliniche dimostrano il grande successo delle diete vegane a basso livello di grassi (spesso in combinazione con modifiche dello stile di vita) nel trattamento dei pazienti con malattie cardiache gravi.
Questo le ha rese popolari nell’ambiente medico occidentale.
Emerge che dopo 1 anno l’82% dei pazienti che aveva adottato una dieta strettamente vegan aveva visto regredire la malattia in maniera esponenziale.

Basterebbe dunque tornare alla natura per fare la scelta giusta.

Tutto questo è elementare tuttavia gli scaffali colmi di confezioni colorate dei sueprmercati ci deviano dalla nostra naturale inclinazione per ricacciarci nel girone dantesco delle suggestioni e dei condizionamenti pubblicitari oltre che gustativi.
Si tratta di una battaglia molto dura dove la disinformazione la fa da padrona.
Ci vuole forza e determinazione all’inizio ma una volta ripresa la retta via si ritorna padroni di se stessi.

Vediamo nel dettaglio le differenti fonti di Acidi Grassi:

I Grassi

Chiamati scientificamente Lipidi, i grassi si distinguono in: saturi, monoinsaturi e polinsaturi.
Sono composti da una catena formata di atomi di carbonio (da 4 a 24) ed idrogeno, che in base alla lunghezza, al numero dei legami ed al posizionamento degli stessi, assumono strutture e caratteristiche diverse.

Gli acidi grassi saturi

hanno una consistenza solida anche a temperatura ambiente e si trovano principalmente dei cibi di derivazione animali (strutto, latte), nei vegetali (palma e cacao).

Gli acidi grassi monoinsaturi

hanno un aspetto liquido e sono presenti nei vegetali come pistacchi, noci, mandorle, avocado ma vengono anche estratti dai semi come olive, arachidi, colza.

Gli acidi polinsaturi

si dividono in due categorie, gli omega 3 e gli omega 6.
Questi sono anche definiti oli essenziali, in quanto il nostro corpo non è in grado di costruirli (a differenza degli altri grassi) e quindi vanno assunti tramite la dieta.

I grassi trans

infine, sono una tipologia di omega 6 o monoinsaturi, modificati da procedimenti chimici al fine di raggiungere la consistenza dei grassi saturi come ad esempio la margarina.

Eventi

  • Non ci sono eventi
  • INSTAGRAM

    La risposta da Instragram non aveva codice 200.

    SEGUICI !

    Archivi

    Send this to a friend